Come ritoccare le immagini digitali per i lavori di stampa CMYK

di Pratik Shah

In questa esercitazione, vedremo alcuni passaggi fondamentali per ritoccare un'immagine digitale ed elaborarla per l'utilizzo in un lavoro di stampa CMYK. A seconda dell'immagine scelta, per ottenere i risultati desiderati può essere tuttavia necessario modificare alcuni valori o impostazioni.

Prima di iniziare l'esercitazione, occorre verificare che la Gestione colore sia impostata come mostrato nella seguente schermata. Per accedere alle impostazioni della Gestione colore, selezionare Strumenti > Gestione colore > Impostazioni predefinite. Il profilo colore CMYK può essere modificato e adattato al profilo colore utilizzato dal fornitore di servizi di stampa che si occuperà del lavoro di stampa.

Considerando di aver installato l'aggiornamento X7.2 di Corel PHOTO-PAINT, aprire l'immagine sulla quale di desidera lavorare in PHOTO-PAINT X7 (File > Apri). Si apre la finestra di dialogo Informazioni sul colore nella quale viene indicato che manca un profilo colore (come mostrato di seguito). Nell'elenco a discesa Assegna profilo colore, selezionare il profilo RGB (sRGB IEC61966-2.1) e fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.

1. Verifica della gamma colori

Come prima cosa occorre verificare se nell'immagine sono presenti colori non inclusi nella gamma e quindi non stampabili in CMYK. Fare clic su Finestra > Finestre mobili > Impostazioni Prova colore. Si apre la finestra mobile Impostazioni Prova colore. Spuntare la casella di controllo Prova colore nella finestra mobile. La freccia sotto la casella permette di espandere Avvertenza gamma. Fare clic sulla freccia per attivare la casella di controllo Colori fuori gamma. Per impostazione predefinita, l'avvertenza gamma sarà di colore verde fluorescente, ma è possibile selezionare qualsiasi colore adatto all'immagine. Sotto l'elenco a discesa Simula ambiente, selezionare il profilo colore che sarà utilizzato dal fornitore di servizi di stampa per stampare il lavoro. Nell'immagine seguente, si vedono le aree in verde fluorescente che sono fuori dalla gamma stampabile nel modello colore CMYK. In seguito nel corso dell'esercitazione vedremo come risolvere questo problema per evitare risultati indesiderati.

Per il momento, ci limiteremo a deselezionare la casella di controllo Avvertenza gamma.

2. Riduzione dei disturbi

La maggior parte delle immagini catturate da fotocamere digitali presentano disturbi estremamente visibili nel Canale blu di un'immagine RGB. Aprire la finestra mobile Canali da Finestra > Finestre mobili > Canali. Nella finestra mobile Canali, i canali RGB sono attivi per impostazione predefinita. I singoli canali R-G-B possono essere selezionati uno alla volta per cercare quello con il livello di disturbo inferiore. Tenendo selezionato il canale scelto, si applica una sfocatura minima scegliendo Effetti > Sfocatura > Sfocatura Gaussian. Partiamo da un raggio molto piccolo di 0,5 px. Lo modifichiamo secondo necessità per incrementi di 0,5 px. Occorre scegliere un valore al quale il livello di disturbo è ridotto senza che tuttavia l'immagine risulti troppo sfocata. Quando si è soddisfatti del risultato, fare clic su OK per accettare le modifiche. Riattivare il canale RGB per passare alla visualizzazione di tutti i canali.

3. Modifica della modalità delle immagini

La maggior parte delle fotocamere digitali catturano le immagini in modalità RGB e le salvano in formato JPEG. Come prima cosa, occorre impostare la modalità dell'immagine su CMYK, l'output che abbiamo scelto, per poter ottenere i risultati desiderati. Per modificare la modalità dell'immagine, nel menu Immagine selezionare Converti in colori CMYK (32 bit).

A seconda dell'immagine selezionata, si può avere una significativa modifica (o perdita) delle informazioni sul colore, il che è ovvio, dato che il modello di colore RGB presenta una gamma di colori molto più ampia rispetto al modello CMYK. Ciò garantisce di ottenere un risultato di stampa molto simile a quello visualizzato a schermo. Occorre anche verificare che l'immagine utilizzata abbia una risoluzione minima di 300 dpi. Per verificare la risoluzione dell'immagine selezionare Immagine > Ridefinisci

Impostando la modalità dell'immagine su CMYK, si interviene anche sull'avvertenza gamma colori. Questo perché, durante la conversione, tutti i colori fuori gamma vengono sostituiti dal colore CMYK che meglio si abbina in base alle opzioni profilo colore CMYK, Operazione di rendering e Motore colori selezionate nella finestra di dialogo Impostazioni predefinite Gestione colore.

4. Regolazione della dominante di colore

In un un'immagine, occorre spesso e volentieri intervenire sulla dominante di colore, che dipende dalle condizioni di illuminazione presenti al momento dello scatto. Per correggere la dominante di colore, selezionare Regola > Laboratorio regola immagine e spostare il dispositivo di scorrimento Temperatura leggermente verso l'arancione (colore che scalda) per correggere la dominante blu. Se l'immagine presenta una dominante gialla, il dispositivo di scorrimento andrà spostato verso il colore blu (colore che raffredda).

In questo esempio, l'immagine tende ad avere una dominante blu che va corretta. Ho trascinato il dispositivo di scorrimento verso l'arancione (valore Kelvin 4650) per ridurre la dominante blu. Vedere l'immagine qui sotto.

5. Regolazione del bilanciamento del bianco

Il prossimo passaggio è regolare il bilanciamento del colore dell'immagine. Torniamo a: Regola > Laboratorio regola immagine

Nella finestra di dialogo Regola immagine, sono visualizzati gli strumenti contagocce con un puntino bianco e nero (immagine qui sotto). Il contagocce con il puntino bianco rappresenta il selettore del punto bianco mentre quello con il puntino nero rappresenta il selettore del punto nero. Quindi, faccio clic sul selettore del punto bianco e poi sul colore bianco nell'immagine. Allo stesso modo, faccio clic sul selettore del punto nero e poi sul colore nero nell'immagine. La profondità del colore cambia visibilmente. (Vedere l'immagine qui sotto).

6. Ottimizzazione dell'esposizione dell'immagine

Aprire la finestra mobile Gestore oggetti premendo Ctrl+F7 (o Finestra > Finestre mobili > Gestore oggetto). Selezionare il livello Sfondo ed effettuare una copia del livello premendo Ctrl+D (o facendo clic con il tasto destro del mouse e selezionando: Oggetto > Duplica). Impostare la Modalità unione del livello copiato su Schermo e regolare l'Opacità del livello su 50%. Si può giocare con il valore dell'opacità fino a ottenere i risultati desiderati. In alcune immagini, la modalità unioneScurisci colore permette di ottenere un risultato migliore. In questa esercitazione, la modalità unione Schermo è stata usata con un'opacità del livello pari al 30%.

Se i risultati sono soddisfacenti, premereCtrl+Maiusc+Freccia giù (o Oggetto > Unisci > Unisci tutti gli oggetti allo sfondo) per unire i livelli.

7. Regolazione della nitidezza dell'immagine

Il passaggio successivo è applicare la nitidezza all'immagine. Fare una copia del livello di sfondo premendo Ctrl+D. Tenendo selezionato il livello copiato, andare a Effetti > Più nitido > Passaggio superiore… Selezionare un valore Raggio che permetta di visualizzare distintamente i bordi nell'immagine (immagine qui sotto). Impostare la Modalità unione del livello su Luce soffusa e regolare il valore dell'Opacità del livello fino a ottenere i risultati desiderati. Se l'immagine è molto piatta, per ottimizzare la nitidezza può essere necessario impostare la Modalità unione su Luce intensa Una volta ottenuti i risultati desiderati, premere Ctrl+Maiusc+Freccia giù per unire i livelli. Nell'esempio (immagine a destra qui sotto) è stata utilizzata una Modalità unione con Luce soffusa e un'opacità pari al 100%.

Come ultima cosa, fare attenzione a non salvare mai il file in formato JPEG per la stampa, ma sempre in formato TIFF per conservare la qualità dell'immagine.

Nota! Le immagini non sono tutte uguali. A seconda dei casi, può essere necessario utilizzare diversi gruppi di comandi e impostazioni per ottenere i risultati desiderati. Corel PHOTO-PAINT mette a disposizione diversi strumenti e comandi per la regolazione dell'immagine.

I passaggi mostrati sopra possono essere utilizzati nella maggior parte dei casi per ritoccare l'immagine mantenendo la qualità richiesta.